giovedì 24 marzo 2011

omaggio a Cristian Gardella

Nasce a Pescia (Pistoia) il 16 agosto del 1981. ancor piccolo si trasferisce con la famiglia a Caorso (Piacenza)
Frequenta l'Istituto Professionale e il Conservatorio di Musica dove studia trombone.Appassionato di diverse espressioni artistiche, fra cui la poesia. Fa parte di alcuni gruppi bandistici della Bassa Padana. Muore improvvisamente durante una gita scolastica a Monaco di Baviera, in visita a Dachau. La diagnosi del decesso è "morte bianca". per lui è stato piantato un ulivo nel "giardino dei giusti" a Gerusalemme. Anche a Piacenza è stato donato un ulivo dal Fondo Nazionale Ebraico,  a ricordo del "giusto" Cristian Gardella.


La Cripta del Duomo di Piacenza

A volte ci ritorno,
e molto spesso ritorno solo per ritrovare me stesso
o quell'essenza ascetico-spirituale.
Varcando la porta e scendendo i gradini,
una volta dentro, è lì, tra quelle colonne,
tra quelle panche e in quella magnifica penombra che si insidia,
con la luce che penetra da fuori.
Niente corrente elettrica, solo buio intorno a me
e il profumo d'antichità mescolato al silenzio claustrale
t'aiuta a meditare, a pregare.
Mentre sei solo
non vorresti per niente avere qualcuno lì con te
perchè sai già di essere in compagnia spirituale.
Sai che vive e respira nella pietra del pavimento
solamente grazie alle tue preghiere.

(da "Le vie dell'incanto" poesie  di Cristian Gardella -  a cura di A. Gobbi - ed. Vicolo del Pavone)




4 commenti:

  1. grazie per esserti ricordata di Cristian, facevo il conservatorio con lui e seguivo il corso di coro con lui. era una persona splendida, gli volevo veramente bene. sono stata malissimo alla notizia della sua morte, ma il suo ricordo è sempre con me. ma le poesie che hai pubblicato sono tutte sue? ciao

    RispondiElimina
  2. pensa Myriam che io non l'ho conosciuto, ma quanto ho letto di lui mi ha commosso e toccato profondamente.

    Sì le poesie sono sue e contenute nel libro citato.

    un caro saluto e tanti auguri, Silvy

    RispondiElimina